Chiesa di Santo Spirito


La Chiesa di Santo Spirito si trova nel centro storico di Agrigento.

Legata al nome di Marchisia Prefoglio che l’ha voluta nel 1299. La bella facciata è costituita da un grandioso portale gotico, a sesto acuto, sormontato da un rosone risalente al tempo della fondazione. Il piano superiore con il complesso delle torrette a tre campane parla il linguaggio architettonico del tardo seicento.

Al di là di questa facciata si scopre la bella navata “a sala di predicazione”, senza abside, secondo il canone barocco, vivacemente mossa dalla fantasia. La navata è interrotta dall’Arco Trionfale, con decorazione in stucco raffigurante la Gloria della SS.Trinità. Al di sopra dell’ingresso vi è la Cantoria, sorretta da quattro colonne. Le pareti laterali della navata, gradevolmente ornate dagli stucchi del famoso maestro scultore Serpotta, mostrano scene dell’infanzia di Gesù Cristo. Ad iniziare da sinistra abbiamo: la Natività, l’ Adorazione; a destra: la Fuga in Egitto e la presentazione al tempio.. I quadroni sono coronati da leggiadrin putti dalle più bizzarre attitudini, relativi alla scena che il quadro presenta. Sulla parete di sinistra, dentro una nicchia, subito dopo l’ingresso, ammiriamo la statua in marmo della Madonna del fonte con Bambino, di scuola gaginesca. Nel Cappellone sono rappresentate la Gloria con Padre Eterno e lo Spirito Santo e, più in basso, San Bernardo e San Benedetto.


Testo tratto dal libro “Agrigento, visita al centro storico” di Giuseppe Di Giovanni. Per gentile concessione dell’autore