Salvatore Quasimodo Valle dei TempliAgrigento nella tradizione letteraria:

Salvatore Quasimodo

 

 

L'incontro tra Salvatore Quasimodo e Agrigento avviene, probabilmente, già durante l'infanzia e l'adolescenza del poeta, quando il padre ferroviere prestava servizio nelle vicine stazioni di Comitini, Aragona-Caldare, Gela, Acquaviva Platani. Le impressioni ricavate da queste visite si fondono con le emozioni suscitate dalle letture e dalle traduzioni dei lirici greci e ispirano due liriche: Strada di Agrigentum, inserita nella raccolta Nuove Poesie (1942), e Tempio di Zeus ad Agrigento, nella raccolta Il Falso e vero verde (1954). Nel 1959 Quasimodo è ad Agrigento per partecipare alla cerimonia della traslazione delle ceneri di Luigi Pirandello in Contrada Caos.